Tuo figlio digrigna i denti? Forse è vittima di bullismo

Digrignare i denti nel sonno potrebbe essere un campanello di allarme che nostro figlio ha subito episodi di bullismo. Il 65% fra i bambini e gli adolescenti che si è dovuto confrontare con i cosiddetti bulli infatti ne soffre. È una percentuale quasi 4 volte maggiore rispetto a chi non ha avuto esperienze di questo tipo. L’allarme arriva da uno studio dell’Oral Health Foundation, che è stato pubblicato sul Journal of Oral Rehabilitation.

Il bullismo causa stress e ansia

Digrignare i denti, cioè strofinare involontariamente quelli superiori e inferiori a causa della contrazione delle articolazioni temporomandibolari, è sintomo di stress. Provoca un’eccessiva consumazione dei denti, unita a disturbi del sonno e mal di testa costante al risveglio.

Sintomi da non sottovalutare

Sebbene chi soffre di bruxismo non si renda conto del digrignamento dei denti, al risveglio potrebbe lamentare una fastidiosa sensazione di dolore a livello della mandibola. Il fenomeno, se non rumoroso, potrebbe passare del tutto inosservato; in tal caso sarà il dentista a farlo presente, poiché in presenza di bruxismo i denti subiscono una progressiva usura a livello dello smalto, che facilita l’insorgenza delle carie. Nei casi più gravi, il paziente potrebbe subire anche un danneggiamento dell’osso alveolare e un possibile “scollamento” delle gengive. In alcuni soggetti, la raschiatura tra i denti avviene in modo così intenso da evidenziare la dentina, favorendo ancor più l’abrasione dentale.

In Italia ne soffrono 15 milioni di persone

Fenomeno spesso sottovalutato, è in realtà piuttosto diffuso soprattutto tra gli adulti. Secondo l’Accademia italiana di odontoiatria protesica (Aiop), ne soffrono oltre 15 milioni di italiani e l’incidenza della malattia è in significativo aumento. Questa patologia, nota come bruxismo, può portare a gravi problemi di odontoiatria, come denti usurati, scheggiati, incrinati.

La ricerca e i risultati

Lo studio ha esaminato le esperienze di più di 300 adolescenti in Brasile. I ricercatori hanno scoperto che i ragazzi dai 13 ai 15 anni che avevano subito bullismo verbale a scuola mostravano quasi quattro volte più probabilità di digrignare i denti nel sonno rispetto ad altri adolescenti. Soffriva del problema il 65% di chi aveva subito episodi di bullismo, a fronte del 17% di chi non ne aveva subiti.
Fonte: ok-salute.it