Il diritto di avere un sorriso sano

Ogni genitore desidera un bel sorriso per il proprio figlio, come per se stesso, e ognuno ha il diritto di avere una bocca sana. Con la bocca comunichiamo costantemente, esprimendo i nostri stati d’animo e sentimenti. La piacevolezza del viso è inoltre importante per avere fiducia in se stessi e per l’autostima. Chi non si piace e si sente poco attraente, a causa di denti storti o di un profilo non armonico, tende a coprire la bocca quando parla, esita a sorridere e cerca di nascondere costantemente la sua immagine. In questo senso, correggere una malocclusione può dare dei vantaggi sociali, professionali e migliorare l’atteggiamento di un individuo nei confronti della vita.

Gli scopi dell’ortodonzia precoce sono

  • Semplificare o ridurre i tempi di un trattamento tardivo
  • Promuovere una corretta attività masticatoria
  • Ridurre la suscettibilità e l’incidenza delle carie dentali
  • Prevenire affollamenti gravi e mancate eruzioni dentarie
  • Prevenire i traumi dentari (giochi, sport…)
  • Evitare l’insorgere di lesioni dell’apparato di sostegno (parodonto)
  • Prevenire ed eliminare attività respiratorie anomale
  • Eliminare le abitudini viziate (succhiamento del dito o del ciuccio)

È importante sottolineare come le abitudini viziate e l’alterazione delle funzioni dell’apparato stomatognatico (deglutizione, respirazione, masticazione) possano influire negativamente sullo sviluppo dei denti e del viso.

Quando fare una visita dall’ortodontista?

Si consiglia di effettuare la prima visita dai 3 ai 6 anni, quando tutti i denti da latte sono ancora presenti in bocca. Questo ha lo scopo di “intercettare” eventuali disarmonie dentali o scheletriche che, se non corrette in fase di crescita, difficilmente possono essere risolte più tardi. Una visita in età precoce diventa inoltre importante per verificare lo stato di salute dentale e le corrette procedure di igiene orale.

La terapia precoce o intercettiva

Terapia precoce o intercettiva significa prevenire l’instaurarsi di molte malocclusioni. Per fare ciò bisogna conoscere in, modo approfondito, la causa delle disarmonie cranio-facciali, delle malocclusioni dentali e delle disfunzioni muscolari, e quindi riuscire ad eliminarle. È dunque importante visitare il bambino precocemente per verificare se esiste una buona armonia tra le componenti muscolo-scheletriche e dentali che costituiscono l’architettura dell’apparato stomatognatico; in caso contrario è consigliato intervenire tempestivamente per stabilire un giusto equilibrio e raggiungere un’occlusione corretta.

Prevenire piuttosto che curare il sorriso

Come per tutta la medicina preventiva anche in ortodonzia è più importante prevenire piuttosto che curare. Talvolta, però, la terapia ortodontica precoce riesce a migliorare, non a risolvere la situazione. Sarà necessario, quindi, prevedere e programmare una terapia più tardiva, e più complessa, che porti a una correzione definitiva dopo i 12 anni. In certi casi potrà rendersi necessaria l’estrazione di alcuni elementi dentali. I tempi, la sede e il loro numero dipendono dalla valutazione dello specialista che si prefigge di migliorare l’estetica del sorriso e la buona funzione della masticazione.
Fonte: Società Italiana di Ortodonzia