A letto con il… bite

Il bruxismo è l’abitudine involontaria di serrare o digrignare i denti, soprattutto durante il sonno. È un disturbo molto fastidioso, sempre più frequente tra adulti e bambini, quindi non risparmia neanche i personaggi dello spettacolo! Ecco come il comico, attore e dj Giovanni Vernia racconta della sua esperienza con il bruxismo e come indossare regolarmente il bite ha migliorato la qualità di vita e il suo lavoro.

«Senza accorgermene, nel sonno digrigno i denti. Ormai mi sono abituato alla mascherina in bocca»

Da quanto tempo soffri di bruxismo?

“C’è chi di notte russa e chi invece bruxa. Non si dice così? Be’, insomma, io bruxo, cioè digrigno i denti. L’ho scoperto quattro anni fa, mentre indagavo su un mal di testa acuto e costante che mi assaliva ogni mattina al mio risveglio e mi accompagnava fino a sera, coinvolgendo tutta la zona della cervicale. Mica uno scherzo: concentrarsi sul lavoro e sugli impegni vari in giornate così è veramente difficile. Inizialmente pensavo che il disturbo fosse dovuto proprio al mio lavoro. Quando sono in scena per interpretare i miei personaggi mi prodigo esageratamente nei movimenti, dimenandomi e agitandomi senza sosta, cosa che magari poteva influire proprio sulla cervicale.”

Pensavi che fosse a causa della cervicale?

“Pensavo di avere la cervicalgia. Così, di mia iniziativa, ho iniziato a sottopormi regolarmente a sedute di fisioterapia e riabilitazione posturale globale, senza però ottenere grandi miglioramenti. Nei periodi di maggiore stress, al mal di testa ha cominciato ad aggiungersi anche un senso di nausea, costringendomi più di una volta a ricorrere agli antidolorifici. Allora ho capito che doveva esserci un problema più profondo, che non potevo continuare a ignorare.”

Come hai capito qual era il vero problema?

“Mia moglie ha intuito il problema. È stata lei ad accendermi una lampadina, rivelandomi che da qualche tempo, di notte, emettevo degli strani suoni e lamenti, anche molto rumorosi. Di tutto questo, ovviamente, non mi rendevo assolutamente conto. E allora, su consiglio del mio fisioterapista, mi sono sottoposto a una serie di accertamenti specifici, a cominciare dal monitoraggio notturno dell’apnea. E finalmente è emersa la diagnosi: soffrivo di un accentuato bruxismo, vale a dire che, mentre dormivo, stringevo e digrignavo i denti. Questo continuo movimento indolenziva la mia mandibola, già un po’ disallineata, scaricandosi sulla cervicale e provocando la cefalea.”

Così hai iniziato un nuovo trattamento?

“Sì. La soluzione consisteva nell’utilizzare un bite, vale a dire un’apposita mascherina che agisce come barriera protettiva tra le due arcate dentali. Va indossata tutte le notti allo scopo di riallineare la mandibola. Pur di liberarmi dal mal di testa, ho accettato di buon grado l’idea del bite, ma all’inizio non è stato affatto facile. Questo dispositivo viene realizzato su misura, e nel mio caso era piuttosto ingombrante e fastidioso, al punto da impedirmi di dormire bene e tranquillamente. Nel frattempo continuavo a lavorare con il fisioterapista sui movimenti della testa e del collo e ogni tre mesi dovevo far controllare e risistemare il bite sulla base dei risultati fisioterapici.”

E adesso come va con il bite?

“Adesso, dopo due anni di regolare utilizzo ogni notte, finalmente posso usare un modello molto più sottile e maneggevole, che non mi dà più alcun fastidio. Al punto che, seguendo i consigli dei due specialisti, spesso lo indosso anche di giorno quando sto seduto per lunghe ore davanti al computer oppure in treno o in auto, per limitare il conseguente aumento di tensione sulla cervicale. Oltre a questo, l’unico accorgimento che ho dovuto introdurre nella mia vita quotidiana è quello di non sottopormi a un carico eccessivo in palestra o durante l’attività sportiva, per non appesantire la zona della cervicale rischiando di danneggiarla.
Finalmente, il mal di testa è scomparso, ma la notte continuo a bruxare, anche se meno di prima: gli specialisti mi hanno spiegato che nel mio caso il disallineamento della mandibola può essere solo corretto, ma non esiste intervento che possa risolvere totalmente il problema ripristinandola com’era. Per questo dovrò portare il bite per il resto delle mie notti. Ma ormai mi sono talmente abituato che a volte mi siedo a tavola per la colazione senza averlo tolto.”
Fonte: ok-salute.it

Un dentista esperto di bruxismo al Vomero

Il Bruxismo, soprattutto quello notturno, non si può eliminare definitivamente, ma è possibile attenuare le conseguenze del digrignamento e del serramento dei denti, con notevoli benefici per la salute della bocca e quella psicofisica, grazie al rilassamento delle articolazioni. Se digrigni o serri i denti e cerchi un dentista a Napoli, ti aspettiamo presso il nostro studio. Il nostro gnatologo ti aiuterà a individuare il trattamento più idoneo al tuo problema.
Contattaci per una visita di approfondimento.