Cosa sappiamo davvero sull’ igiene dei denti

Alcune delle cose che facciamo quotidianamente per prevenire la carie e preservare la nostra igiene orale dovrebbero essere riconsiderate. La rivista statunitense Evidence-Based Dentistry pubblica alcune revisioni sistematiche degli studi scientifici in merito, sfatando i falsi miti e segnalando le poche certezze.
 

Il filo interdentale

Una revisione sistematica degli studi scientifici in merito fatta nel 2011 ha concluso che, negli adulti, il filo interdentale serve contro l’infiammazione delle gengive, ma ci sono scarsissime prove che riduca anche la formazione della placca batterica. Nessuna evidenza, inoltre, che possa aiutare a prevenire l’insorgenza della carie.
 

Lavarsi i denti con un dentifricio al fluoro

Lavarsi i denti con lo spazzolino è utilissimo. Una pratica insostituibile. Attenzione però, non per lo spazzolamento in sé, infatti “funziona” solo se eseguito con un dentifricio al fluoro. Lavarsi i denti non solo aiuta a prevenire le gengiviti e la formazione della placca, ma anche la carie, la patologia più temuta.
 

Quale spazzolino

Molti studi randomizzati e controllati confermano che gli spazzolini da denti elettrici sono meglio di quelli tradizionali: riducono sia la placca che le gengiviti più degli spazzolini normali. Tra gli elettrici sono meglio quelli a testine rotanti, ma la differenza tra i due tipi è comunque minima.
 

Quante volte

Sembra invece che non ci siano evidenze scientifiche su quante volte al giorno bisogna lavarsi i denti. Esistono alcuni studi che, seppur deboli perché soggetti a margini di errore troppo ampi, sostengono che sia comunque necessario dedicarsi all’igiene orale almeno due volte al giorno.
 

Fluoro: dentifricio, pastiglie o gocce

Il fluoro contenuto nel dentifricio, e quindi somministrato localmente sui denti, si è visto essere più efficace rispetto alle dosi assunte in pastiglie o gocce. Quindi anche per i bambini piccoli le linee guida italiane parlano ormai di dentifrici arricchiti al fluoro dai 6 mesi in poi. Finchè non si riesce a far spazzolare il bambino, si può optare per le gocce in dosi crescenti. Assolutamente solo spazzolino e dentifricio però dopo i 6 anni. Il fluoro in gocce o pastiglie rimane in aggiunta per quei bambini che dovessero presentare una spiccata predisposizione per la carie.
 

Le visite di prevenzione

Regolari visite dentistiche di prevenzione sono effettivamente associate a un minor numero di appuntamenti per cure odontoiatriche nel futuro, il che implica un generale miglioramento della salute orale. È stato anche mostrato che, in assenza di patologie, nella maggior parte dei casi non serve più di una visita preventiva annuale. Sulle radiografie restano invece alcuni dubbi: per gli adulti senza problemi apparenti, ci sono poche prove a sostegno dell’uso dei raggi X dentali annuali.
 

I sigillanti

Un diverso studio effettuato sulle visite di prevenzione ha evidenziato che l’effetto protettivo potrebbe derivare anche dall’applicazione da parte del dentista di sigillanti, piuttosto che dal semplice controllo. Secondo i dati forniti dal Ministero della Salute, l’effetto preventivo di tale pratica sulla comparsa delle carie si attesta all’87,1% valutata a tre anni dalla sua applicazione, al 76,3% a quattro anni e al 65% a nove anni.
 

Altri fattori legati all’igiene orale

Dobbiamo anche riconoscere che ci sono un sacco di cose al di fuori del nostro controllo. Alcuni sono fattori genetici. La forza del nostro smalto molto probabilmente può determinare quanto facilmente i batteri possano abbattere le nostre difese. La composizione stessa della saliva determina quanto facilmente possiamo opporci ai batteri. Anche la morfologia del dente può lasciarne alcuni più suscettibili alle infezioni. Altre cose hanno meno a che fare con l’odontoiatria: per esempio ciò che si mangia, che può influenzare la salute dentale.
 

Un’ottima igiene dentale funziona sempre

Per ricapitolare, ci sono buone evidenze che spazzolare i denti due volte al giorno con un dentifricio al fluoro sia una buona pratica, soprattutto con uno spazzolino da denti elettrico. Per i bambini, l’uso di vernici al fluoro o sigillanti è un potente strumento per prevenire la carie. Il resto è ancora tutto da discutere. La mancanza di prove, però, non significa che molte di queste abitudini o consigli non funzionino. Significa solo che non abbiamo basi scientificamente inoppugnabili per raccomandarle con assoluta sicurezza.
 
Fonte: corriere.it