Gli ingredienti del nostro dentifricio

Ci rechiamo al supermercato a fare la spesa, compriamo ciò che ci serve, ci dirigiamo alla cassa, ma poi di colpo ci fermiamo: “ah già, il dentifricio”. Ma una volta giunti al reparto ci chiediamo “quale dovrei prendere?“. A prescindere dal risultato a cui puntate per i vostri denti, sono gli ingredienti all’interno di quei pacchetti ciò che conta davvero.

Sappiate che esistono molte sostanze superflue ma anche pericolose nei dentifrici, e alcune possono essere difficile da riconoscere dall’etichetta.

Gli ingredienti di un dentifricio contano anche se non lo ingoio?

Forse vi starete chiedendo perché evitare gli ingredienti tossici del dentifricio, se non dobbiamo ingerirlo. Semplice: la connessione bocca-corpo è molto reale e una cattiva salute orale può contribuire a malattie cardiache, diabete, osteoporosi e altre condizioni. Di conseguenza, avere una bocca sana è fondamentale e tutto ciò che ci mettiamo in bocca, anche se per poco, può influire sulla nostra salute orale e generale.

Le nostre bocche sono rivestite con mucose protettive che possono irritarsi, infiammarsi e essere infettate da ingredienti tossici. Le nostre bocche possono anche assorbire tali sostanze chimiche nel flusso sanguigno, mentre alcuni ingredienti possono interrompere il naturale equilibrio della flora nella nostra bocca che aiuta a mantenere la nostra salute orale. Questo squilibrio può anche influenzare il microbioma intestinale.

Diamo uno sguardo più da vicino a queste sostanze

Biossido di titanio

Un composto chimico inorganico aggiunto come colorante per rendere bianco il dentifricio. La maggior parte degli studi ha concluso che il biossido di titanio è sicuro poiché non viene assorbito. Ma non sono stati condotti studi per determinare se è assorbito dalle mucose della bocca. Secondo il gruppo di lavoro ambientale, vi è preoccupazione per l’inalazione di biossido di titanio, poiché può essere cancerogeno e causare tossicità. È anche importante notare che il biossido di titanio non fornisce alcun beneficio orale; fa semplicemente parte di una tattica di marketing per attirare chi ama il dentifricio bianco.

Triclosan

Un pesticida aggiunto a molti prodotti di consumo come agente antibatterico. Numerosi studi sugli animali hanno collegato il triclosan alla rottura endocrina (ormone). Potrebbe anche contribuire a creare ceppi di batteri resistenti agli antibiotici. In più, la FDA ha vietato l’uso del triclosan nel sapone e nel lavaggio del corpo.

Laurilsolfato di sodio

Un composto chimico usato come tensioattivo, detergente e denaturante in vari cosmetici e detergenti industriali. Quasi 16.000 studi hanno menzionato la sua natura tossica, ma è ancora usato in molti prodotti cosmetici, così come nella maggior parte dei dentifrici convenzionali. L’EWG sostiene che questa sostanza chimica, che viene anche utilizzata come insetticida, può causare irritazione e tossicità degli organi.

Fluoruro

C’è una ragione per cui tutti i prodotti contenenti fluoro sono accompagnati da un avviso FDA: secondo la Fluoride Action Network, anche piccole quantità di fluoro possono causare tossicità acuta, accompagnata da nausea, vomito e mal di testa nelle sue prime fasi. Troppo fluoruro può anche danneggiare lo sviluppo dei denti nei bambini piccoli (che tendono ad ingoiare molto dentifricio) portando alla fluorosi, tra le altre cose.

Colorazione artificiale

Viene utilizzato per rendere esteticamente gradevole il dentifricio commerciale. Gli studi hanno collegato sostanze chimiche coloranti artificiali all’iperattività e all’ADHD nei bambini: nel 2012 la Neurotherapeutics ha scoperto che i coloranti alimentari artificiali, possono avere un effetto negativo sui bambini anche se non è stata diagnosticata l’ADHD.

Ingredienti abrasivi

Vengono aggiunti al dentifricio per aiutare a “strofinare” il biofilm dai denti. Il dentifricio deve essere solo leggermente abrasivo per essere efficace. Alcuni degli abrasivi utilizzati, come la silice idrata, sono troppo ruvidi. Questi ingredienti possono rimuovere lo smalto e la dentina, creando sensibilità e portando alla recessione gengivale.

Parabeni

Sostanze chimiche utilizzate come conservanti per prolungare la durata di conservazione del dentifricio. I parabeni sono utilizzati nella maggior parte dei prodotti cosmetici e persino nella maggior parte degli articoli alimentari. Anche se i livelli in questi singoli prodotti sono considerati “sicuri”, l’accumulo nei nostri corpi potrebbe causare problemi, incluso un possibile aumento del rischio di cancro al seno.

Glicole propilenico

Si tratta di un composto chimico sintetico usato come tensioattivo. Anche se la FDA classifica il glicole propilenico come sicuro, questo composto è noto per irritare la pelle, gli occhi, i polmoni e le mucose. Viene utilizzato in antigelo, solventi detergenti e vernici. Sulla base di ricerche che hanno dimostrato che il glicole propilenico è tossico nei ratti dopo un uso a lungo termine, gli autori di uno studio del 2013 hanno suggerito che l’assunzione di glicole propilenico (e dei colori artificiali, per inciso) dovesse essere limitata, specialmente nei bambini.

Carragenina

La carragenina è un additivo alimentare estratto da alghe rosse (chiamato anche muschio irlandese) e usato come addensante. In alcuni studi sugli animali ha creato problemi intestinali, tra cui infiammazione e ulcerazioni del colon. Molte persone hanno riportato disturbi intestinali che si risolvono evitando i prodotti a base di carragenina. Inoltre, la forma degradata è un noto cancerogeno. Durante la lavorazione, la forma non degradata (per uso alimentare) può essere facilmente contaminata dalla forma degradata. Va assolutamente evitata.

Aspartame

È un dolcificante artificiale usato come agente aromatizzante. Quando viene ingerito l’aspartame, una delle sostanze chimiche viene scomposta in metanolo, ovvero un alcool. E il nostro organismo non può digerirlo correttamente in questa forma. Può viaggiare attraverso il sangue e convertito in formaldeide, un composito chimico nocivo. Mentre questo si accumula nel corpo, il danno causato può includere mal di testa, vertigini, debolezza, perdita di memoria e disturbi gastrointestinali. Uno studio del 2014 ha inoltre stabilito che l’aspartame è un possibile agente cancerogeno.

Dietanolammina

Una sostanza chimica utilizzata come agente schiumogeno nei dentifrici. È anche un disgregatore ormonale e l’EWG lo classifica a un massimo di livello 10 nella sua scala di rischi. Viene anche utilizzato in alcuni prodotti per regolare i livelli di pH e può reagire con determinate sostanze per creare agenti cancerogeni. Se ciò non bastasse, è noto anche che causa tossicità a livello di organi.

Fonte: experiencelife.com

Le informazioni fornite in questo articolo hanno natura generale e sono pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere del medico

Lascia un commento