Il possibile collegamento tra mal di testa e mal di denti

Se soffri sia di mal di testa che di mal di denti, è naturale chiedersi se i due sintomi siano correlati. Forse il mal di denti sta scatenando il mal di testa, o forse la combinazione di mal di testa e mal di denti indica un problema di salute di base come un’infezione sinusale o un disturbo temporo-mandibolare.

Il mal di denti che scatena un’emicrania

Ci sono molti colpevoli dietro un dente dolorante: carie, denti lesionati o denti del giudizio, per citarne alcuni. Se queste situazioni non vengono curate, è possibile sviluppare un’emicrania,  cioè un mal di testa pulsante che può essere associato a nausea, vomito e sensibilità alla luce o al suono.

Gli esperti sospettano che il motivo per cui i mal di denti possono causare emicrania sia collegato al nervo trigemino, che è il quinto dei dodici nervi cranici.

Il nervo trigemino

Il nervo trigemino è responsabile della sensibilità di gran parte del viso, compresi il labbro superiore e inferiore, i denti e le gengive. Una patologia dentale può quindi irritare il nervo trigemino collegato e quindi innescare un’emicrania.

Non è raro che una persona vada dal proprio medico lamentando mal di testa o emicranie di tipo tensivo quando invece si tratta di problemi dentali.

Un classico esempio di cafalea provocata dai denti è il bruxismo, quel disturbo che fa serrare o digrignare i denti, specialmente di notte. Il mal di testa derivante dal bruxismo è generalmente descritto come un dolore sordo che avvolge la testa o si colloca dietro gli occhi.

Quando non sono i denti

Ci sono alcune condizioni che possono causare sia mal di testa che mal di denti, ma in realtà non sono correlate a un disturbo dentale o a un’emicrania. Una di queste è la sinusite.

Cos’è la sinusite

È un’infezione dei seni paranasali che può causare disagio a uno o più denti, in particolare ai denti superiori che si trovano proprio sotto il seno mascellare (situato dietro gli zigomi).

Oltre al mal di denti, un sintomo comune della sinusite è un mal di testa localizzato alla radice del naso e che peggiora se ci si piega in avanti.

Altri segni e sintomi di infezione dei seni paranasali possono essere:

Febbre
Affativamento
Congestione nasale e secrezione purulenta
Pressione dell’orecchio
Alitosi

Disturbo temporomandibolare

Questo disturbo, detto anche ATM, coinvolge l’articolazione della mascella e i muscoli che la circondano.

L’articolazione temporo-mandibolare è formata dall’articolazione della mandibola sulla fossa mandibolare dell’osso temporale del cranio. C’è un piccolo pezzo di cartilagine chiamato disco articolare posto tra le due ossa. Quando apri e chiudi la bocca, il disco scorre mentre l’osso mascellare ruota e scivola avanti e indietro, rendendo possibile il movimento.

Vari muscoli si attaccano vicino all’articolazione temporo-mandibolare. Questi muscoli aiutano ad aprire e chiudere la mascella, permettendoti di parlare, mangiare e deglutire. (La mascella è l’articolazione più utilizzata nel corpo.) Diversi piccoli legamenti attaccano le ossa insieme, aumentando la stabilità dell’articolazione.

Cosa causa problemi con l’ATM?

Esistono molte cause possibili:

Spostamento del disco articolare nell’articolazione
Spasmi muscolari
Postura sbagliata
Bruxismo

Ogni volta che l’articolazione è eccessivamente stressata, può causare dolore e disfunzione del movimento articolare. Ciò può causare infiammazione dell’articolazione o dei muscoli e dei legamenti che circondano l’articolazione temporo-mandibolare e, incidentalmente, provocare di riflesso mal di denti.

Oltre ai mal di denti, l’ATM provoca spesso mal di testa e generalmente è descritto come un dolore che inizia vicino all’orecchio e si sposta verso la mascella, le tempie o il collo. Questi mal di testa sono di solito innescati da movimenti della mascella, come masticare o aprire e chiudere la bocca.

Se soffri di mal di testa e mal di denti immotivati, i nostri specialisti odontoiatri e gnatologi potranno valutare la situazione e consigliarti il trattamento più opportuno.

Le informazioni fornite in questo articolo hanno natura generale e sono pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere del medico