Problemi alle gengive? Non sottovalutarli

In Europa 8 persone su 10 sopra i 35 anni hanno una malattia delle gengive e 743 milioni di persone al mondo stanno per perdere i denti ovvero hanno una forma grave di parodontite, ma il problema inizia già da giovani, sotto i 30 anni. E le conseguenze possono avere un impatto forte sulla salute, aumentando il rischio o aggravando malattie come diabete, obesità, malattie cardiovascolari, Alzheimer e artrite reumatoide.

La Giornata Europea delle Gengive Sane

Per aumentarne la consapevolezza di questo problema spesso sottovalutato, si celebra il 12 maggio la Giornata Europea delle Gengive Sane. L’iniziativa  è promossa dalla Federazione Europea di Parodontologia (EFP) che riunisce 30 società scientifiche nazionali per un totale di 14.000 iscritti fra odontoiatri ed igienisti. Questo evento è ormai celebrato in tutta la comunità europea.

“La salute inizia dalle gengive sane”

È questo il motto dell’edizione 2018. “Attraverso una campagna di informazione anche sul web e sui social media all’insegna dell’ashtag #PerioDay, l’obiettivo è sottolineare l’importanza di una corretta salute gengivale ed orale per il benessere globale della persona”, spiega Filippo Graziani, presidente eletto della EFP e professore ordinario di Parodontologia all’Università di Pisa.

Tieni sotto controllo gengivite e parodontite

La gengivite è una infiammazione delle gengive, segnalata da sanguinamento ma senza perdita di osso o tessuti che supportano il dente; è superficiale e reversibile con buone terapie. In alcuni casi può degenerare in parodontite, malattia cronica che colpisce l’osso mandibolare, provocando un danno non reversibile, che può portare alla perdita del dente. Tutto questo, spiega Graziani, “si può contrastare con un’efficace igiene dentale, preferibilmente con spazzolino elettrico e scovolini, unita alla pulizia delle tasche gengivali. Ma bisogna anche agire su abitudini e stili di vita, come fumo e obesità. Parliamo delle patologie più diffuse al mondo ma la maggior parte delle persone ignora che la parodontite si può tenere sotto controllo e che la perdita del dente si può evitare”.
L’importante però è non dimenticare che “quando c’è una gengiva arrossata non bisogna ignorarla”, anzi, sarebbe il caso di prenotare quanto prima un controllo dal dentista.
Fonte: ansa.it